DittaPosaPiù team
10 Gennaio 2017

Cartongesso Bologna

Cos’è il cartongesso?

Lavorazioni a secco e leggere

Il Cartongesso

Catongesso-bologna-dittaposapiu

Il cartongesso è un materiale da costruzione. Risulta attualmente uno dei materiali più usati nell’edilizia leggera data la sua velocità di applicazione e le sue particolari doti termoacustiche. Il suo spessore varia in base all’applicazione richiesta, infatti esistono decine di pannelli di diverse caratteristiche. In Italia, lo spessore più diffuso, reperibile nei centri di bricolage, è 13 mm (pari a circa mezzo pollice). Oltre alle proprietà termoacustiche, ricordiamo anche quelle ignifughe e quelle idrorepellenti.

Solitamente una parete in cartongesso può avere uno spessore di 8-10 cm. Ciò comprendente due lastre esterne di cartongesso e un’intercapedine solitamente riempita di materiale isolante e/o fonoassorbente. Un contro soffitto o una contro parete di appena 1-2 cm.

Il cartongesso è una tecnica particolarmente diffusa negli interventi di ristrutturazione, in quanto è una soluzione pratica e veloce. Quando si ha la necessità di suddividere gli ambienti in più spazi, come da una camera ricavare un bagnetto o separare l’ingresso dal soggiorno ecc.
Le lavorazioni rappresentano delle opere economiche e vantaggiose, rispetto alla muratura classica molto più pesanti e meno funzionali.


Un design moderno

L’utilizzo di questo materiale crea molteplici soluzioni in cui trova impiego.
Un capitolo speciale merita sicuramente la lavorazione del cartongesso. Infatti attraverso un progetto di valore estetico con ribassamenti, ripiani, colonne e pareti anche curve. Possono caratterizzare lo stile dall’appartamento e non di poco, soprattutto con un buon uso di luce e ombre!
Infatti con giochi di differenziazione delle altezze dei soffitti. Con un giusto mix di illuminazione ad incasso, si creano giochi di luce, che valorizzano le lavorazioni di ristrutturazione. Ciò garantiscono un appartamento ristrutturato con uno stile moderno di alto pregio.


Il fattore tecnico

Cartongesso,carton-gesso-ribassamento-curvo

La funzionalità del cartongesso non è un argomento secondario. Infatti con le strutture a telaio si creano le condizioni di passaggio dei impianti a alloro interno. Quindi a essere sfruttate per ottimizzare gli spazi di vuoti. Ad esempio le farse colonne e controsoffitti oltre il piano estetico diventa una risorsa importante per il passaggio dell’impianti. Come per impianto elettrico, impianto idraulico e soprattutto la possibilità di mettere un impianto di aria condizionata a scomparsa.
Queste sono tutte soluzioni all’avanguardia per esaltare le qualità del cartongesso e la sua usabilità. Usato per ottimizzare e nascondere impianti tecnologici, abbinato al design ne caratterizza lo stile del proprio appartamento insieme alle ceramica e arredamento.


Usi per condizioni particolari

A seconda delle necessità si possono erigere pareti aventi diverse funzioni.
Se ad esempio occorre ottenere un buon isolamento acustico, si possono inserire nell’intercapedine materiali appositi fonoassorbenti. Nel caso di un ambiente umido, come il bagno, è preferibile utilizzare pannelli rivestiti di materiali idrorepellenti che impermeabilizzano la parete. Vi sono in commercio anche pannelli altamente resistenti al fuoco, costituiti da lastre in nitrato, che rendono la parete ignifuga.


I vantaggi

I suoi pregi sono numerosi: le pareti realizzate possono essere rimosse in futuro o spostate agevolmente; è facile far passare cavi per l’illuminazione, installare prese elettriche e faretti; non produce macerie e polveri e una volta eretta la struttura è in grado supportare mensole e ripiani come una normale parete.


Un materiale multivalente

Il cartongesso è dunque un materiale multivalente, basta scegliere il pannello adatto alle proprie esigenze abitative e sincerarsi che venga installato a regola d’arte.
Importate dunque affidarsi a professionisti specializzati nel settore


Un pò di storia Storia

La grande diffusione e facilità di reperimento del gesso minerale ha sempre favorito, fin dai primordi dell’architettura, lo sviluppo di tecniche costruttive basate sul suo impiego. Già le popolazioni più antiche, come i Babilonesi, i Caldei e gli Egizi, conoscevano bene l’arte del gesso, la quale neppure si perse successivamente nel corso della storia, tanto da raggiungere il suo culmine durante il periodo Barocco e Rococò.

Oggi il gesso è ampiamente utilizzato sia per realizzazioni di diverse lavorazioni. Come decorative, cui il materiale ottimamente si presta, sia in qualità di intonaco, di legante e di blocco monolitico da costruzione.

La nascita del Cartongesso

A partire dalla fine del XIX secolo, poi, fu ideato negli Stati Uniti un nuovo e rivoluzionario ciclo di produzione industriale. Dove il gesso si proponeva sotto forma di lastre omogenee di basso spessore ed in abbinamento a strati di cartone di armatura. Si dava luogo in tal modo ad un’efficace tecnica costruttiva. Ciò basata sul principio di un’orditura metallica di supporto e un rivestimento con le nuove lastre di gesso. Al fine di realizzare elementi di separazione verticale (pareti e contropareti) ed orizzontale (controsoffitti) all’interno degli edifici. Da allora l’evoluzione del prodotto non ha conosciuto tregua. Infatti apportando trasformazioni sia alla natura della lastra che migliorie alle tecniche di posa. Infatti per la cui effettuazione sono stati messi a punto nel corso degli anni accessori appositi ed elementi complementari specifici.

Uso e consumo

L’utilizzo del gesso come materiale da costruzione è sempre stato piuttosto diffuso, in relazione anche alle locali tradizioni fabbricative. Gli operatori, infatti, ne hanno sempre apprezzato le qualità per la rasatura delle pareti. Ciò per realizzazioni di decori a stampo, oppure la sua facilità di lavorazione e fluidità dell’impasto per impieghi in funzione di legante.

Dal cartone e gesso

Negli ultimi decenni del XIX secolo negli Stati Uniti, si cominciarono ad effettuare le prime prove. Per ottenere (in alternativa a manufatti in amalgama di catrame e carta-paglia). Un materiale ottennero delle lastre in gesso rivestito da ambo i lati con dei fogli di cartone. Con questi primi tentativi si cercò di ottenere un prodotto di facile e veloce applicazione. Il quale rivestimento interno infatti poteva adattarsi alla tradizionale struttura in legno delle abitazioni americane.

Tali tentativi ebbero pieno successo, la lastra fu rapidamente brevettata e fece la sua comparsa in Europa nel corso della prima guerra mondiale. La sua diffusione fu inizialmente circoscritta alle nazioni più settentrionali. Circostanza che incrociava bene la tecnica costruttiva delle abitazioni, a telaio di legno, meglio si adattava alle sue applicazioni.

Cartongesso

Successivamente, ed in tempi più recenti, le lastre in gesso rivestito si diffusero nel resto d’Europa. Fino a approdare agli albori degli anni sessanta anche in Italia e poi nei Paesi dell’area mediterranea.


DittaPosaPiù

DittaPosaPiù TeamPubblicata

Cartongesso

Via Viazza in Destra,21

40054 Budrio, Bologna, Italia


Home